Apache e PHP e MySql su Windows 10 con XAMPP

XAmpp-vdmweb

In questo articolo vediamo qual’è un modo comodo e semplice (adatto anche per i meno esperti) per installare e configurare Apache insieme al PHP su Windows: il pacchetto XAMPP.

La comodità di XAMPP risiede principalmente in due aspetti:

  1. oltre al  server HTTP Apache installa anche l’interprete dei linguaggi PHP e Perl;
  2. esiste un comodo pannello di controllo, con il quale è possibile impostare, avviare e fermare i vari servizi;

Tutto ciò evita di effettuare la configurazione a mano sia di Apache che del supporto al PHP, cosa non sempre facile soprattutto per chi non è molto pratico con i comandi di shell e la scrittura dei file di CONF.

Anche se per i nostri fini (avere un ambiente minimo per un map server) ci interessa meno, un altro grande vantaggio di XAMPP è che installa uno stack completo di servizi che generalmente sono presenti in un web server:

  • un database MySql  (MariaDB) e la relativa interfaccia web phpMyAdmin;
  • un servizio FTP (Filezilla);
  • l’application server Tomcat per servlet Java;
  • un mail server (Mercury)

e anche questi servizi sono controllabili e configurabili dall’interfaccia di comando di XAMPP.

Per scaricare l’ installer per Windows basta andare sulla homepage di XAMPP e qui trovate subito le indicazioni per effettuare il download in base al sistema che vi interessa (per noi è Windows). E’ sottinteso che così si scarica l’ultima versione di XAMPP; invece nella pagina di download, trovate  anche altre versioni meno recenti. Ma se non c’è qualche particolare motivo (per es. usare ancora il PHP 5) è sempre preferibile installare l’ultima versione.

Dovrai conoscere alcune cose, in primo luogo ti servirà comprendere (anche se solo sommariamente), cos’è un SERVER LOCALE e un software LAMP (Linux, Apache, MySQL, PHP). Si tratta di quel pacchetto di programmi senza il quale non puoi lavorare ne con i CMS, ne con php.

“Come evidenziato sopra, LAMP è un acronimo: le quattro lettere che lo compongono stanno ad indicare il contenuto di questo software, utilizzato per lo sviluppo offline di un’applicazione web”

Nota: negli articoli di questo corso non tratterò mai in modo approffondito i temi trattati, questo perché lo scopo principale del corso base per WordPress è quello di metterti nelle condizioni di operare rapidamente.

Se sei curioso e interessato a saperne di più puoi trovare molto materiale, sia in rete che cartaceo, inoltre qualche suggerimento su chi e cosa consultare te lo darò anch’io.

Nonostante questo e per una migliore comprensione degli argomenti, qualche informazione in più mi sento di darla.

Cos’è quindi un server locale LAMP?

Si tratta di una installazione di alcuni software con i quali avrai:

  • Linux come sistema operativo (tranquillo, il tuo Windows non viene toccato).
  • Apache come server web.
  • MySQL (o MariaDB) come gestore dei database.
  • PHP come linguaggio di programmazione.

Sono i componenti che solitamente girano sul server del tuo provider, quando acquisti uno spazio web hosting: sul tuo pc simulano l’ambiente che hai online.

Scelta del software LAMP

Non esiste un solo software LAMP ma più di uno. In rete puoi trovare infatti i seguenti pacchetti:

Sono i più utilizzati in assoluto, personalmente ho deciso di affidarmi ad XAMPP e i riferimenti che trovarai da qui in poi saranno per questo ambiente.

Ora cominciamo davvero.

Vai innanzitutto sul sito di Apache e scarica il pacchetto completo adatto al sistema operativo del tuo computer. Esistono sia per Windows che per OS X (Apple/Mc) e ovviamente anche per Linux, di questi puoi scegliere per sistemi operativi a 32 o a 64 bit.

Installazione di XAMPP e primo avvio

Adesso fai partire l’installazione, una volta completata avrai una cartella nella root del tuo pc di questo tipo: “C:\xampp”. All’interno c’è tutto quello che ti serve per creare un sito WordPress sul tuo computer.

In particolare troverai la cartella “htdocs”, sarà quella che conterrà tutti i tuoi progetti web, i tuoi siti WordPress.

Per quanto riguarda la configurazione, di solito non serve modificare nulla tranne in alcuni casi, ad esempio se vuoi più memoria a disposizione o desideri caricare file più grandi di quanto impostato di default.

In questo caso devi andare a modificare il file php.ini. Per fare questa operazione devi innanzitutto avere XAMPP attivo, questo significa che dovrai farlo partire con doppio clic (come per tutti i programmi) sul suo eseguibile, dovrebbe avere un nomefile del tipo “xampp-control.exe”.

“Ricordati che per creare un sito WordPress sul proprio pc è indispensabile che XAMPP sia sempre attivo, diversamente avrai dei messaggi di errore e NON potrai lavorare.”

creare-un-sito-wordpress-interfaccia-xampp Apache e PHP e MySql su Windows 10 con XAMPP
Questa è la finestra che si aprirà, una volta lanciato xampp sul tuo pc.

Modifiche e impostazioni di XAMPP

In questa fase ti sconsiglio però di fare delle modifiche se non sono strettamente necessarie al buon funzionamento del server, in realtà il software funziona già bene così com’è e andare a modificare dei parametri solo per caricare immagini più grandi (peso in megabytes), non ti da nessun vantaggio concreto.

Invece, uno dei problemi che a volte si riscontra subito dopo l’installazione di un server locale e nel quale potresti incorrere,  è quello di non riuscire ad aprire la porta di comunicazione tra server e pc. E’ un problema che va risolto altrimenti non potrai utilizzare XAMPP ne creare il sito WordPress sul tuo pc.

Nasce dal fatto che il software deve dialogare con il tuo computer e per default è stabilito che lo faccia attraverso la porta 80. Se questa però è già occupata da un’altro programma non potrai utilizzarla. La cosa più rapida per risolvere è quella di cambiare la porta all’interno del file di configurazione.

Correggere la porta di connessione 80

Se hai riscontrato questo problema è arrivato il momento di fare la tua prima modifica sul server locale, procedi quindi nel modo che segue.

Visualizza la finestra di XAMPP, quindi premi il pulsante Config corrispondente alla riga del modulo Apache. Dall’elenco che compare scegli il primo file (Apache httpd.conf) e aprilo.

Fai una ricerca del numero 80 al suo interno (dovresti trovare almeno due occorrenze, all’incirca all’altezza delle righe 58 e 220) e cambialo in 8080Salva il file e chiudilo, in questo modo hai modificato la tua porta di connessione.

Per completare l’operazione devi aggiornare il server, questo puoi farlo semplicemente tornando alla finestra di XAMPP e premendo il pulsante STOP, attendi qualche secondo e riavvia premendo il pulsante START.

Fatto, ora dovrebbe funzionare tutto.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

cinque + 4 =