Hosting, dominio, e server: cosa sono e a cosa servono

Hosting_Dominio_ Server_vdmweb


Per molti ”non addetti ai lavori” non è chiara la differenza tra hosting e dominio, né è chiaro cosa significhi davvero pubblicare un sito internet.

Internet è uno spazio puramente virtuale, una nebulosa di dati in codice binario all’interno della quale viene lanciato come per magia un sito oppure esiste uno spazio reale in cui il sito risiede?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo definire al meglio il ruolo dei tre attori principali della questione: dominio, hosting server.

dominio-vdmweb Hosting, dominio,  e server: cosa sono e a cosa servono

Che cos’è un dominio?

Il dominio internet non è altro che un nome associato a un indirizzo IP numerico, ad esempio www.vdmweb.it è il nostro nome di dominio.
Per registrare il proprio nome di dominio è necessario ricorrere ad un Registrar, ovvero un’azienda accreditata dagli organismi preposti per poter rivendere l’assegnazione dei nomi di dominio, in rete ce ne sono moltissime.
È possibile scegliere il nome di dominio che si desidera purché non sia già stato assegnato.
È bene però definire con cura il nome di dominio, poiché esso influisce non poco sul successo del sito, basti pensare che è un elemento fondamentale per l’indicizzazione da parte dei motori di ricerca.
La sola registrazione di un nome di dominio però, senza un piano hosting associato, non consente la pubblicazione di un sito internet perché non comporta la presenza di uno spazio fisico in cui salvare i file.

hosting-vdmweb Hosting, dominio,  e server: cosa sono e a cosa servono

Che cos’è un hosting?

Il termine hosting deriva dal verbo inglese to host che significa ospitare.
L’hosting è infatti un servizio che consiste nell’ospitare fisicamente su un server web tutti i file che costituiscono il nostro sito rendendolo in tal modo raggiungibile attraverso internet.
Un servizio di hosting si può acquistare da un Internet Service Provider scegliendo quello con le caratteristiche più indicate per il sito che vogliamo pubblicare.
Le tipologie di hosting oggi più diffuse sono:

  • Hosting condiviso: un server ospita più siti che dovranno condividerne le prestazioni. Ogni sito avrà un proprio nome di dominio ma dovranno coabitare nello stesso spazio.
  • Hosting dedicato: viene dedicato un intero server ad un unico sito, tutte le prestazioni del server sono a servizio di un unico cliente.
  • Cloud hosting: nel cloud (nuvola) non si ha un singolo server ma un’intera rete di server, un’architettura in grado di continuare ad erogare i servizi richiesti anche se un server smette di funzionare e di rendere l’intero sistema più veloce suddividendo il carico di lavoro su più macchine.

L’hosting si differenzia anche in base alla piattaforma, cioè al sistema operativo installato sul server: principalmente Windows o Linux.
Molti Internet Service Provider propongono dei pacchetti che comprendono sia la registrazione del nome di dominio sia l’attivazione di un piano di hosting.

Windows-Storage-Server-Shutterstock-1-1024x327 Hosting, dominio,  e server: cosa sono e a cosa servono

Che cos’è un server?

Un web server invece è un computer (o una rete di computer collegati tra loro) dotato di un software che lo rende in grado di svolgere un duplice compito:

  1. contenere tutti i materiali relativi al sito (pagine html, foto, video, ecc…)
  2. rendere visibili le pagine del sito ogni volta che vengono richieste da un computer connesso a internet, detto client.

In caso di siti web dinamici, ovvero siti in cui le pagine sono integrate con una base dati, il server ha anche il compito di far dialogare la pagina html con la base dati in tempo reale fornendo al client la risposta desiderata.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.